Create a Joomla website with Joomla Templates. These Joomla Themes are reviewed and tested for optimal performance. High Quality, Premium Joomla Templates for Your Site

politica e palazzo

Buco TOSAP: ecco il nostro esposto alla corte dei conti

13710513 1755133461422428 8793601836459992680 oA CURA DEL GRUPPO CONSILIARE

 

 

Lo scorso anno, come gruppo consiliare, abbiamo approfondito la questione della riscossione di alcuni tributi da parte del Comune di Castel di Sangro. In particolare abbiamo riscontrato alcune anomalie contabili che, a nostro avviso, hanno procurato un danno erariale al Comune di Castel di Sangro. La vicenda riguarda le procedure di riscossione e accertamento dei tributi relativi alle occupazioni di suolo pubblico (TOSAP).

Abbiamo accertato dagli atti di bilancio una forte differenza tra gli attuali incassi della Tosap e quelli relativi agli anni precedenti, a fronte di una sostanziale omogeneità della base imponibile (si tratta delle riscossioni relative al commercio ambulante nell’area del mercato), abbiamo richiesto chiarimenti agli uffici comunali competenti ottenendo solo documenti e informazioni che riteniamo non sufficienti per un pieno accertamento dell’eventuale danno.

Leggi tutto

politica e palazzo

Tra grandi opere e cantine allagate

13710513 1755133461422428 8793601836459992680 oA CURA dEL GRUPPO CONSILIARE.
I Castellani alle prese con le cantine allagate dall'esondazione dello Zittola. E la Presidente del Consiglio scrive una lettera al Sindaco...

Lo avrete letto: qualche giorno fa sul profilo Facebook della Presidenza del Consiglio Comunale è apparso un messaggio della presidente D’Amico, diretto al sindaco Caruso. Nella lettera la Presidente, a seguito dell’ennesima esondazione dello Zittola, chiedeva in maniera accorata la sistemazione immediata dell’argine del fiume, comunicando al Sindaco la volontà di non partecipare alle riunioni del Consiglio fino al termine dei lavori.

Il tema è di quelli veri, che meritano grande attenzione. Non ha nessun senso parlare di grandi opere se i cittadini sono sistematicamente costretti a fare i conti con esondazioni che creano pesantissimi disagi e intollerabili danni economici: da una parte si vagheggia il “sogno” di una piscina comunale e dall’altra si fronteggia l’incubo di cantine e garage allagati.

Leggi tutto

alto sangro, politica e palazzo

OSPEDALE: LA REGIONE CI VUOLE BENE

13710513 1755133461422428 8793601836459992680 oAppello ai politici regionali, al direttore generale Asl, al direttore sanitario, ai direttori di dipartimento

La Regione ci vuole bene. Spesso ospitiamo in Alto Sangro illustri politici che vengono a decantarne le bellezze, la capacità attrattiva, l’economia con un PIL che risulta trainante per l’intero Abruzzo. Fra le “industrie” maggiori del territorio va sicuramente annoverato il turismo invernale che, direttamente o con l’indotto, foraggia l’economia altosangrina e non solo. 

Durante il periodo natalizio il nostro ospedale ha lavorato a pieno ritmo, per usare un eufemismo.
Entrare al Pronto Soccorso significava perdersi tra facce note e meno note che tappezzavano ogni angolo di quel reparto, dove medici ed infermieri correvano incessantemente. Allora a noi, poveri cittadini prestati alla politica, sorge con insistenza una domanda: ma come mai il nostro presidio ospedaliero viene continuamente attaccato da operazioni tese all’impoverimento della struttura?

Ma i politici, quelli veri, quelli importanti, sanno cosa significa avere bisogno di un’assistenza immediata? Forse sì, perché vivono in città. E sanno, questi politici, che in assenza di un ospedale efficiente non solo i cittadini ne pagherebbero le conseguenze ma quegli sciatori, aumentati del 40% quest’anno, avrebbero dubbi a tornare? E quelle gare sportive importanti che fortunatamente si svolgono nei nostri territori non potrebbero esserci senza una struttura ospedaliera adeguata? Ma poi… perché ci lesinano tanto il personale quando i soldi per mettere su questa struttura sono stati versati dal nostro territorio? 11 milioni di euro. Forse ci manca qualche tassello.

Leggi tutto

politica e palazzo

UN MARZIANO A ROMA

Alfredo Fiorittodi Alfredo Fioritto

Nel mio piccolo e personale “Pantheon” degli abruzzesi famosi, oltre a Spaventa (Silvio), Croce, Tosti e, ovviamente, Patini un posto speciale e caro ce l’ha Ennio Flaiano. Per diverse ragioni. Personali, perché ne sentivo parlare da bambino da mio padre e dal suo amico Pasquale Scarpitti che lo frequentavano a Roma durante gli studi universitari, ma soprattutto culturali e umane perché ammiro la sua scrittura, semplice ed efficace, e la sua ironia. Cito Flaiano perché sono affezionato a un suo breve e folgorante racconto che si intitola “Un marziano a Roma”. Se non lo avete letto ve lo raccomando, poche pagine ma molto divertenti e allo stesso tempo profonde e poetiche.

È la storia di un marziano, dalle sembianze umane, che atterra, non si sa come e perché, a Roma, a Villa Borghese. Il suo arrivo, che diventa la notizia del giorno, suscita interrogativi, speranze e aspettative: tutto sarà diverso d’ora in poi, il marziano metterà fine alle angherie e inaugurerà un nuovo mondo di pace e giustizia. Tutti vogliono incontrare il marziano: il Papa, il Presidente della Repubblica; diventa l’ospite più ambito dei salotti romani e viene invitato alle feste e alle inaugurazioni. Il racconto mostra come però, col passar del tempo, il marziano diventi uno dei tanti: dalle stelle alle stalle in pochi mesi. Con quel cinismo tipico dei romani (e forse di tutti gli italiani) il grande personaggio viene subito ridimensionato e archiviato in attesa del prossimo. L’ultima scena è, poi, geniale: il marziano, anche lui un po’ deluso e annoiato, vuole ripartire ma scopre che la sua astronave è stata pignorata dai creditori.

Vi chiederete perché vi parlo del marziano. Al di là del valore universale del racconto, mi sono chiesto se, per caso, qualcuno mi abbia scambiato per “Un marziano... a Castello”. Voglio subito rassicurare tutti sul fatto che non mi sono mai sentito, e non mi sento, un marziano: qui sono le mie radici e qui ho passato e passerò parte della mia vita. Le idee e le proposte che io e gli amici e colleghi di Progetto Comune abbiamo messo in campo in campagna elettorale sono ancora tutte valide: non abbiamo mai promesso miracoli ma avanzato proposte concrete e realizzabili per migliorare la qualità della vita e far crescere le opportunità di lavoro.  

Leggi tutto

politica e palazzo

PRO LOCO

Daniele Marinellidi Daniele Marinelli

EPPUR SI MUOVE...

Parlare di Pro Loco a Castel di Sangro, in una città con una spiccata attitudine al turismo, dovrebbe essere parte di una riflessione sulle iniziative culturali, le manifestazioni e le attività di promozione del territorio. Parlare di Pro Loco a Castel di Sangro significa invece, purtroppo, parlare di bilanci, debiti e banche. La situazione debitoria dell’associazione è fin troppo nota: tanti castellani aspettano da mesi – in alcuni casi da anni – di essere pagati. Progetto Comune da oltre un anno e mezzo propone, inascoltato, di discutere una soluzione possibile.

Di fronte all’irresponsabile attendismo di Caruso, in occasione dell’ultimo consiglio comunale abbiamo presentato una mozione, chiedendo lo stop ai finanziamenti pubblici. Con straordinario tempismo la Pro Loco, pochi giorni prima della discussione sulla mozione, si è riunita in assemblea, alla presenza di un piccolo gruppetto di iscritti, approvando i bilanci preventivi e i bilanci consuntivi del 2014, del 2015 e del 2016. Seppure il metodo risulti piuttosto singolare, l’approvazione dei bilanci della Pro Loco è da considerare un fatto molto positivo, che da tempo auspicavamo. Si tratta certamente del primo passo necessario per fare un po’ di chiarezza e cercare di ricondurre la vicenda a una condizione di normalità. Abbiamo così chiesto e ottenuto il rinvio della discussione sulla nostra mozione, in attesa di conoscere dati e numeri dei documenti approvati dall’associazione.

Leggi tutto

1848
testata giornalistica dell'Associazione "Progetto Comune"
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Seguici su :