Create a Joomla website with Joomla Templates. These Joomla Themes are reviewed and tested for optimal performance. High Quality, Premium Joomla Templates for Your Site

politica e palazzo

Elezioni regionali: #10 domande ai candidati dell’Alto Sangro (1)

1) Sei uno dei tre candidati del territorio, una breve descrizione per i nostri lettori.

WhatsApp Image 2019 02 05 at 10.56.33DI DONATO: Montagna, studio, moderazione, sport, dialogo, rispetto e lealtà. Potrebbe essere questo il paradigma giusto per presentarmi. Ho 41anni, sono laureato in Giurisprudenza e in Management dello sport e delle imprese sportive. Ho perfezionato la mia formazione accademica frequentando un master in Diritto ed economia dello sport nell’Ue ed un altro master in Management delle imprese sportive. Da 7 anni sono il sindaco di Roccaraso, vivo a Castel di Sangro con la mia compagna Annalisa, sono il presidente del Collegio abruzzese dei maestri di sci e da quando sono piccolo frequento le piste da sci del comprensorio dell’Alto Sangro prima come atleta e oggi come allenatore. Ai giudizi superficiali preferisco le analisi approfondite, ho una formazione politica e culturale fondata sulla moderazione, ma mi piace tradurre in fatti concreti gli impegni che prendo con la mia gente. Credo nel lavoro di squadra ma amo prendermi le mie responsabilità e quando c’è stato da difendere il mio territorio mi sono sempre battuto con grande determinazione. Dico grazie al passato, ma guardo con entusiasmo al futuro. Non ho mai fatti calcoli personali, non baratterei mai la stima e la fiducia della mia gente per una poltrona o per un incarico. 

DONATELLI: Mi chiamo Giulia, sono di Pescocostanzo e ho 24 anni. Il mio interesse per la politica nasce fin dai tempi della scuola, ho frequentato il Liceo Scientifico a Sulmona e già in quel periodo ho rappresentato gli studenti presso la Consulta provinciale degli istituti superiori. Non nascondo che a casa la politica ha sempre avuto una presenza attiva, da parte di mio padre che ha avuto in passato un ruolo nell’amministrazione provinciale dell’Aquila e ora è presente nel consiglio comunale di Pescocostanzo. È chiaro che la mia giovane età è da sé poco sufficiente a testimoniare un passato politico, ma una cosa è certa: insieme alla passione dello sci posso dire con tranquillità che la politica è di pari interesse. La politica è la vita, capisco la frase fatta, ma è così, perché la politica è in ogni aspetto della vita sociale. La tanta attività sportiva effettuata negli anni ha fatto sì che mi rendessi conto del significato di partecipazione, di socializzazione e soprattutto della competizione nella vita.

LIBERATORE: Mi chiamo Andrea Liberatore. Sono nato e cresciuto a Castel di Sangro. Ho 42 anni e sono un avvocato. Sono consigliere comunale di Castel di Sangro dal 2004, comune presso il quale ho presieduto anche l’assessorato alle Politiche Sociali. Sono sposato con Maurizia dal 2014. La mia vita si divide tra Castel di Sangro e Sulmona, città, quest’ultima, dove vivo con mia moglie. Ho una passione smisurata per il mio territorio, non per ragioni di circostanza o di opportunismo elettorale, ma per un sincero e genuino senso di appartenenza. Sento mia questa terra, sento ardere in me la volontà di rappresentare questa comunità. Un eventuale successo non sarà né un vanto né un’impresa per me; sarà solo ed esclusivamente l’onore di rappresentare i miei conterranei. Vivo questa tornata elettorale nella convinzione di riuscire far valere le necessità del nostro territorio; un territorio che, per tante, forse per troppe legislature, è stato spesso relegato ai margini, ma che, per le sue potenzialità e per la sua storia, merita un ruolo da protagonista in consiglio regionale. Io ci sono e ci sarò.

2) Come è maturata la tua candidatura?

DI DONATO: Quando Giovanni Legnini mi ha chiesto di scendere in campo al suo fianco non ho avuto nessun tentennamento. Sono davvero onorato che un personaggio della statura morale, politica e culturale di Legnini, che fino a qualche mese fa ha guidato il Consiglio Superiore della Magistratura, mi abbia voluto al suo fianco. In primissima linea: unico sindaco nella lista “Legninipresidente”. Vuol dire che in questi anni abbiamo lavorato davvero bene. A dicembre ho firmato insieme ad altri 162 sindaci abruzzesi un appello affinché Legnini scendesse in campo per la guida dell’Abruzzo, perché la nostra Regione deve contare a Roma e non può correre il rischio di diventare isolata e irrilevante. Il progetto della mia candidatura è partito già nei mesi scorsi quando Legnini, conclusa l’esperienza al Csm, mi ha chiesto un impegno diretto ed in prima fila perché l’Alto Sangro ha bisogno di una rappresentanza nel prossimo Consiglio regionale e solo chi, come me, conosce ogni angolo di questo territorio può presentare istanze, difendere i servizi, sostenere i progetti di crescita capaci di creare nuova occupazione.

DONATELLI: Sono contenta di rispondere, finalmente si è compreso che nell’Alto Sangro siamo tre candidati e non uno come sento dire. La candidatura al Consiglio regionale d’Abruzzo nasce dalla richiesta da parte degli esponenti nazionali e regionali della Lega, che hanno voluto una presenza giovane, femminile e contestualizzata al nostro territorio ed hanno visto in me queste caratteristiche. Con la mia candidatura la Lega sta dando una grande opportunità al nostro territorio, e questo deve essere tenuto presente. A testimonianza di questo interesse, annuncio che venerdì 8 febbraio il leader Matteo Salvini sarà a Rivisondoli per sostenere la mia candidatura.

LIBERATORE: È un desiderio che si è materializzato strada facendo. Sono convinto che questa volta ci siano tutte le condizioni perché la mia possa essere una candidatura con grossi margini di riuscita. È stata una scelta condivisa, con il mio sindaco ed amico Angelo Caruso, con la mia famiglia e con i miei amici. È arrivato il momento di dare un segnale forte, di dare la giusta dimensione rappresentativa a questa comunità. È questo l’obiettivo che mi ha spinto a questa scelta. Una scelta ragionata e difficile, ma che mi riempie di orgoglio. Un scelta per l’Abruzzo.

1848
testata giornalistica dell'Associazione "Progetto Comune"
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Seguici su :