Create a Joomla website with Joomla Templates. These Joomla Themes are reviewed and tested for optimal performance. High Quality, Premium Joomla Templates for Your Site

alto sangro

Nasce il comitato imprenditori: un'iniziativa da elogiare

Francesco MapelliDI FRANCESCO MAPELLI

Un malcostume tipicamente italiano è di esigere forme di assistenzialismo statale, che spesso travalicano nel grottesco. Non la pensano cosi gli imprenditori castellani i quali, rimboccatisi le maniche, hanno dato vita ad un nuovo sodalizio: il Comitato Imprenditori.

Figlio dell’iniziativa di volenterosi imprenditori locali, col passare dei mesi – pochi per la verità – ha registrato numerosi proseliti, essendo ormai rappresentate, al suo interno, tutte le categorie economiche del nostro territorio, dai commercianti agli artigiani, passando – è questa rappresenta una vera novità – anche per le categorie professionali. Un’iniziativa da perorare e cui contribuire, che si presume vada nella direzione dello sviluppo turistico di Castel di Sangro. Attività turistica nostrana che fatica, in alcune circostanze, a nutrirsi solo ed esclusivamente della macchina pubblica, troppo spesso oberata di impegni e dotata di risorse non sufficienti. Il Comitato andrà quindi a rendersi forza complementare dell’offerta turistica pubblica, mettendo a disposizione esperienze diverse, qualità imprenditoriali e l’umiltà di chi, ogni mattina, si sveglia con la volontà di far crescere la propria azienda. 

INFOPOINTDa circa un ventennio, Castel di Sangro mira a farsi conoscere e “riconoscere” come meta turistica, in primo luogo, invernale, e, con le dovute accortezze, anche estiva. La speranza della cittadinanza, degnamente rappresentata dal Comitato, è legata alle opportunità di sviluppo turistico: uno sviluppo che si basa sull’incremento dei servizi, sul miglioramento di quelli esistenti e su un investimento vero e concreto su quello che è il brand del nostro comprensorio. Non è casuale l’utilizzo del termine comprensorio: uno sviluppo turistico sostenibile passa necessariamente attraverso un’intesa di quelle che sono le forze economiche comprensoriali, ma soprattutto tra quelle che sono le forze istituzionali comprensoriali. Il noto proverbio, “l’unione fa la forza”, rappresenta l’emblema di questo processo che, si spera, prenda vigore nel futuro prossimo. Bisogna abbandonare le lotte di campanile e puntare su una visione condivisa e su intenti extracomunali.

Il futuro è questo. Ragionare in termini comprensoriali e farsi promotori di un brand, da poter spendere al di là dei nostri confini. È necessario concentrarsi non solo su quello che è possibile offrire in casa nostra, ma far sì che casa nostra sia già nota ai potenziali turisti. Gli auspici e le premesse sono più che rassicuranti: la nascita dell’Infopoint di via Porta Napoli e le crescenti iniziative intraprese rappresentano linfa vitale per la città e promettente genesi di una visione turistica a trecentosessanta gradi. Avanti cosi!    

1848
testata giornalistica dell'Associazione "Progetto Comune"
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Seguici su :