Create a Joomla website with Joomla Templates. These Joomla Themes are reviewed and tested for optimal performance. High Quality, Premium Joomla Templates for Your Site

alto sangro

QUI ROCCA5MIGLIA

Mauro Lombardozzidi MAURO LOMBARDOZZI

L'associazione "Pro Rocca" tira le prime somme

L’associazione “Pro Rocca nsdc”, nata per valorizzare Roccacinquemiglia e il suo territorio attraverso la propria attività, compie poco più di un anno e, volendo tirare le prime somme, il bilancio è sicuramente positivo.

Il primo passo fatto, che poi si è rivelato anche il più importante, è stato quello relativo alla creazione di un presepe a dimensioni reali, una manifestazione che ha rivitalizzato la bellissima parte antica di Roccacinquemiglia, a molti ancora semi-sconosciuta, ristrutturata con grande professionalità nell’ultimo decennio ed in attesa di completamento per quanto riguarda alcuni edifici; fra i quali va ricordata la torre campanaria, simbolo indiscusso del paese, in attesa della ricostruzione del tetto, che si spera avverrà il più presto possibile.

La realizzazione del presepe è passata attraverso diverse fasi ed è costata non pochi sacrifici da parte del gruppo lavoro dell’associazione, composto da una quindicina di persone che non si sono risparmiate per mettere in piedi quello che, molto probabilmente, è stato lo spettacolo più bello organizzato a Roccacinquemiglia nell’ultimo ventennio.

Nel realizzare la seconda edizione il gruppo lavoro ha affinato tecniche e metodologie costruttive, portando il totale dei personaggi da 22 ad oltre 60, includendo animali vari, quali pecore, galline, un cammello ed un asino. L’obiettivo finale del progetto era quello di dare a Roccacinquemiglia un motivo in più per essere visitata durante il periodo natalizio. Il Comune di Castel di Sangro ha collaborato anche in questa seconda edizione con la concessione all’utilizzo del suolo pubblico, la pulizia del percorso occupato dal presepe ed il ripristino dell’illuminazione della zona interessata. Su quest’ultimo punto va evidenziato che sono stati finalmente riattivati anche alcuni lampioni la cui ultima volta che avevano diffuso luce si perdeva nella notte dei tempi.

Oltre al presepe, nell’anno trascorso, sono state organizzate dall’associazione anche alcune giornate ecologiche. Una si è tenuta alla fine di giugno 2016 ed ha riguardato la pulizia da immondizia ed erbacce del cimitero, del campo sportivo e dell’aria circostante. Vi è stata una buona partecipazione ed alcuni soci, oltre alla manodopera, hanno messo a disposizione gratuitamente anche attrezzature e mezzi professionali, come trattori, falciatrici e trinciatrici. Una seconda giornata è stata dedicata al monumento ai caduti in Piazza Umberto I, con la pulizia dello stesso e la riverniciatura delle cancellate e delle colonnine della struttura. In questa occasione il Comune ha fornito gli attrezzi e materiali necessari (vernici, pennelli, colla, cemento ecc.). In entrambe le giornate è intervenuto anche un gruppo di migranti volontari.

Ad agosto è stato fatto un primo tentativo di organizzazione di una “serata sotto le stelle” con telescopi professionali per osservare gli astri, sempre nel borgo antico. I telescopi sono stati forniti da un gruppo di astrologi contattati a tale scopo. Il tutto è stato accompagnato da musica in sottofondo e allietato da una piccola “sagra della salsiccia”. Anche questa serata ha avuto esito positivo e dunque, molto probabilmente, ne verrà organizzata un’altra quest’anno nello stesso periodo, evitando errori fatti e cercando di migliorare dove possibile.

Dal punto di vista economico, la Pro Rocca nsdc, grazie alle donazioni, alle sponsorizzazioni, alle offerte, alle iscrizioni ed al lavoro dei volontari è attualmente dotata di alcuni importanti strumenti e mezzi propri. La sede è concessa dal Comune e vi sono stati effettuati lavori e migliorie varie dai soci, sempre naturalmente a titolo gratuito, al fine di renderla funzionale allo svolgimento delle varie attività dell’associazione. È stato quindi creato uno spazio per la biblioteca, costituita da libri in parte rinvenuti in una precedente operazione di recupero fra le macerie della ex biblioteca di Roccacinquemiglia ed in parte donati da privati. È stata creata una sala computer, con 13 macchine ricevute in donazione complete di monitor, mouse e tastiere perfettamente funzionanti e diverse stampanti; il tutto in attesa di una connessione internet che renda l’intero sistema effettivamente utile e fruibile da tutta la comunità. L’associazione dispone di una sala che di volta in volta viene utilizzata come laboratorio per le creazioni, sala per esposizioni, riunioni, proiezioni. L’ultimo arrivato è un impianto per la filodiffusione acquistato per il presepe a dimensioni reali.

Vi sono certamente molte altre idee e proposte che i soci vorrebbero vedere realizzate e l’associazione sicuramente cercherà di perseguire il maggior numero di progetti possibili con tutti i mezzi a disposizione. Perché Roccacinquemiglia è un posto particolare. Fatato, per chiunque sia alla ricerca di un ambiente tranquillo dove riposare o riflettere. La bellezza dei momenti in cui la natura mette in mostra le sue opere più classiche, come i tramonti d’autunno, i colori della primavera o le nevicate invernali, viene amplificata dalla tranquillità e dal silenzio irreale in cui spesso essa è avvolta. È un piccolo borgo dotato di luoghi di grande fascino che necessitano, però, di essere valorizzati e riscoperti, e la Pro Rocca nsdc, con le sue iniziative, tenta di fare proprio questo.

Vi sono e rimangono tuttora, però, gravi carenze a livello sociale e turistico, prima fra tutte la mancanza di un bar o un punto di ristoro dove fare una pausa o semplicemente prendere un caffè. Nonostante vi siano state diverse proposte a tale riguardo, l’associazione, senza aiuti di un qualche tipo, non è purtroppo ancora in grado di far fronte ad un impegno gravoso qual è quello della gestione di una simile attività. La realizzazione di un bar è altresì prevista in un progetto per la ristrutturazione del campo sportivo e dell’ex edificio scolastico, elaborato dall’attuale amministrazione comunale e presentato alla cittadinanza circa una anno fa. In particolare, il nuovo centro sportivo prevede un campo da calcio e uno polivalente, con annessi spogliatoi ed, appunto, un bar per il ristoro. L’ex edificio scolastico dovrebbe invece essere riconvertito in un ostello della gioventù. Il tutto dovrebbe essere realizzato in tempi congrui e rimaniamo tutti in attesa fiduciosi, anche se un anno è già trascorso. Sempre rimanendo in tema di ristrutturazioni e recuperi, la Pro Rocca nsdc, nei vari incontri pubblici tenuti con i rappresentanti del Comune, ha sempre dato la propria disponibilità a collaborare, nei casi in cui fosse stato possibile, anche nelle piccole opere di manutenzione e potenziamento dell’arredo urbano del paese. In particolare, fra le varie proposte di collaborazione col Comune vi era ad esempio quella della ristrutturazione delle fontane del paese, rimasta purtroppo solo sul piano teorico.

Certamente l’associazione non può né vuole sostituirsi al Comune, ma di cose da fare ce ne sarebbero davvero parecchie: dalla sistemazione dei lampioni di piazza Umberto I, ormai tutti diversi l’uno dall’altro (da voci dello scorso anno pare che dovessero essere sostituiti tutti, ma ad oggi non si vedono ancora cambiamenti), alla sistemazione della pineta, che necessiterebbe di un aggiustamento o una sfoltita per renderla praticabile, così come pure i pini nel cimitero, forse in numero eccessivo ed ormai troppo grandi; dal ripristino di alcuni guard-rail e staccionate in legno nel borgo antico, al ripristino dell’area del belvedere in via delle aie, dove le piante troppo grosse hanno completamente deformato la pavimentazione ed il buco dove è stata demolita la vecchia fontana attende ancora di essere riparato; dalla sistemazione di alcune vie del paese in sanpietrini (come ad esempio Via Canapine o la parte alta di via Sopra La Fontana) dimenticate ormai da anni, alla manutenzione della via di collegamento con Castel di Sangro sulla quale, lungo il “rettilineo di Don Camillo”, i pini laterali hanno creato veri e propri trampolini che sobbalzano pericolosamente  le auto  verso il centro della strada…

Sono solo alcuni esempi di quanto ci sarebbe da fare nella piccola frazione e si spera di poter dare presto notizie positive anche riguardo tutte queste situazioni ed il loro sblocco verso le soluzioni attese, nell’interesse di tutta la comunità.

1848
testata giornalistica dell'Associazione "Progetto Comune"
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Seguici su :